Gara Nazionale di Primo Soccorso di Croce Rossa,15-16-17 settembre 2017, un lungo fine settimana di attività

Lo staff cucina del Comitato di Guastalla citato nel discorso di premiazione del Presidente Rocca

Da venerdì 15 a domenica 17 settembre, come spesso accade anche in altre situazioni, il Comitato Croce Rossa di Guastalla è stato chiamato ad attivarsi sotto svariati aspetti per sostenere due grandi iniziative.

La prima si è svolta a Reggio Emilia. La città ha ospitato per la prima volta le Gare Nazionali di Primo Soccorso della Croce Rossa Italiana. Una XXIV° edizione che ha visto la partecipazione di quasi tutte le Regioni italiane ad esclusione della Sardegna e della Val d’Aosta, come ha spiegato Paolo Russo, responsabile Comunicazione del Comitato provinciale ospitante.

I partecipanti erano sei per ogni squadra /regione più una accompagnatore fotografo. Ogni regione poteva iscrivere un numero illimitato di “supporter” che potevano seguire la squadra, ma restando a distanza”
12 le prove sostenute dagli equipaggi, “ tra infortunio sul lavoro, maxi emergenza, scenario DIU, Scenario SEP, incidente stradale, emergenza familiare (un parto a sorpresa)”


La competizione è stata vinta dalla squadra del Piemonte, rappresentata dai volontari del Comitato di Mondovì. Secondo posto per la rappresentanza Umbra del Comitato di Terni. Terzo posto per i volontari di Thiene, in rappresentanza del Veneto. Oltre ad alcuni premi speciali per la squadra con la performance più alta sulla scena della maxi emergenza, per le manovre di rianimazione cardiopolmonare, per la scena DIU, per la migliore performance di soccorso e supporto psicologico e per finire assegnazione del premio speciale per la squadra “più squadra”  di tutte.

  (preparando la torta)

 

 

E per soddisfare il palato di tante persone nel corso della tre giorni, quello che è senza dubbio un fiore all’occhiello non solo del nostro Comitato di Guastalla, ma dell’intera Emilia Romagna, il container cucina, un 6,50 metri che con la sua attrezzatura alberghiera riesce a soddisfare con grande qualità oltre 1000 persone a pasto. E a Reggio Emilia il nostro staff, ormai ben consolidato, composto da Maurizia Fragni, Maurizio Salardi, Ambra Berni, Antonietta De Leonardis e Renato Nasi, insieme ad una coppia di volontari del comitato di Reggio Emilia, ha messo a tavola 1300 persone. Un impegno premiato anche dal Presidente della Croce Rossa Italiana, Francesco Rocca che oltre ad essersi complimentato con il gruppo di lavoro per l’organizzazione e la qualità dei pasti, ha scelto di citarlo nel suo discorso di premiazione.

   (Maurizia nel periodo pasquale insieme ad Ambra)

Tanta è stata l’emozione del nostro staff-cucina, come Maurizia stessa ha raccontato con la voce che si è incrinata ricordando una tre giorni fortemente impegnativa e non solo fisicamente. Ma essere Volontario per noi significa anche questo, sviluppare empatia verso chi ci sta intorno e cogliere il momento del bisogno, insomma esserci, nella necessità, e farlo in maniera accogliente. Una qualità che spesso le persone con cui veniamo in contatto quotidianamente ci riconoscono. La gara ha comunque mosso molta emotività anche ai vertici, come ad esempio ha spiegato il presidente del comitato di Reggio, Roberto Piro: “Sono emozionato per l’entusiasmo che ho percepito in tutti i volontari che hanno partecipato alla realizzazione dell’evento” sostenendo l’importanza non solo di chi ne è stato protagonista assoluto, ma anche di tutti i volontari che lavorando “dietro le quinte” hanno permesso lo svolgersi della competizione nazionale.

( lo staff cucina..non al completo, ma Grazie a tutti loro)